Seleziona una pagina

Unico e personale gioiello floreale della sposa, il bouquet nasce dalla scelta dei colori e dei fiori in base ai gusti e all’abito prediletto per il gran giorno. Abito e bouquet non devono contrastarsi ma fondersi in armonia senza che l’uno prevalga sull’altro. Il bouquet non è un semplice mazzo di fiori ma una realizzazione basata su proporzioni ed equilibri in cui ogni minimo dettaglio diventa protagonista e nulla deve essere lasciato al caso.

Sono decisamente da privilegiare i fiori di stagione, sia per una maggior resa sia perché ogni periodo offre un’immensa varietà di bellissimi fiori e colori. Al contrario di quanto spesso si pensi, il Bouquet da Sposa non deve essere obbligatoriamente coordinato al resto dei decori floreali, ma solo al gusto e alla personalità della Sposa.

Il bouquet da sposa può essere realizzato in diverse forme. Il bouquet sferico, grande classico, grazie alla sua forma rotonda e raccolta si abbina bene a qualsiasi tipo di abito, dal corto al lungo, da un’abito dalle linee morbide ad uno più strutturato. Può essere realizzato in diverse dimensioni, e a seconda dell’utilizzo di fiorellini di campo o di fiori più importanti l’effetto sarà sempre e comunque sofisticato.

Una variante del bouquet rotondo dall’aspetto più naturale è il bouquet spettinato, sferico ma scomposto, perfettamente adatto ad un abito dallo stile retrò con pizzi e merletti, ad un gusto country chic che richiama la natura in tutta la sua spontaneità. Per le spose che optano per un abito dalle linee pulite ed essenziali, un tocco speciale può essere dato dal bouquet à boule o pomander, sfera floreale da indossare come una sorta di borsetta. Per questo tipo di bouquet si prediligono fiori piccoli o i boccioli in quanto questa varietà di creazione richiede che i fiori vengano composti in maniera compatta.

Un’alternativa altrettanto originale è il corsage, bracciale floreale da personalizzare con swarovski, piume, perle o semplicemente con nastri in raso, velluto o organza. Piccolo e compatto è poco ingombrante e permette di avere le mani libere. Per le spose dalle linee slanciate e snelle può essere scenografico un bouquet a cascata a patto che indossino un vestito a sirena in quanto essendo una composizione che si sviluppa in lunghezza tende ad abbassare la figura. Bello, scenografico ma impegnativo da indossare.

Per un look più metropolitano e contemporaneo, il bouquet a fascio può essere una soluzione da valutare. Solitamente monofore viene realizzato con fiori importanti ( orchidee, calle, rose, amarilli… ); non è un genere di bouquet che si presta ai ad uno stile romantico e caldo ma ad uno stile moderno e minimale. Le nuances di colore con le quali possono essere realizzati i bouquet sono infinite come anche gli accostamenti che si possono fare con i fiori, con i colori e con gli accessori.

La stessa decisione di rivestire il gambo di un bouquet con un nastro in raso, in juta, in velluto, con lo spago o di lasciare i gambi nudi incide fortemente sullo stile e la personalità che la sposa vuole far trasparire. Credo che non esistano dei colori moda e delle combinazioni perfette , benché ultimamente i colori neutri e le tonalità pastello abbinate con punte di colore più acceso siano molto in voga.
Ciò che è importante è che il bouquet nel suo insieme susciti un’emozione a chi lo indossa a prescindere da tutto.